Tessiture della memoria

L’impresa difficile di dar forma alla memoria trova nell’arte uno strumento potente, essendo spesso le opere un’espressione condivisibile dei trascorsi individuali. È così per Elena El Asmar, in mostra a Firenze, negli spazi di Srisa…

Elena El Asmar – L'esercizio del lontano - veduta della mostra presso la Srisa, Firenze 2013 - photo Pierpaolo Pagano

Elena El Asmar – L’esercizio del lontano – veduta della mostra presso la Srisa, Firenze 2013 – photo Pierpaolo Pagano 

L’esercizio del lontano assume una forza caratteristica dalla sua introduzione testuale: nonostante la diversità di origine – il Libano di Elena El Asmar (Firenze, 1978) e la Calabria del curatore Pietro Gaglianò – l’esposizione si contestualizza proprio nel dialogo d’intesa tra l’artista e chi ha avuto cura del suo progetto. La chiave d’interpretazione offerta fa sì che l’installazione centrale, composta da elementi allungati di vetro in composizione di altezze e avvolti da calze nere a trama varia, trasfiguri in paesaggio collettivo. L’opera particolare si fa rappresentazione della maniera amorevole e delicata con cui ognuno di noi interviene, intessendo nel tempo poesie e mitologie, sul proprio passato. Analogamente per le calcografie che, insieme agli acrilici su tela, sviluppano il percorso; seguendo la pratica comune dell’impressione su carta di alcune “cose” – qui si tratta di centrini e di ricami recuperati, più il successivo intervento a inchiostro – i disegni risultanti evocano i processi di deposito della memoria. Senza eccessi né rischi, entro una dimensione intimista, l’effetto complessivo è di reale coinvolgimento.

Matteo Innocenti

Firenze // 
Elena El Asmar – L’esercizio del lontano
a cura di Pietro Gaglianò
SRISA
Via San Gallo 53r
055 4627374
info@santareparata.org 
www.santareparata.org      

Articoli correlati: