Super Futuro

Felice di annunciare, in questo inizio 2022, l’uscita del mio romanzo Super Futuro per Transeuropa. Grazie all’editore Giulio Milani per le sessioni di lettura e scrittura e per questa occasione.
Il libro, con altri, inaugura la collana Transeuropa Lab: “La collana parte dall’idea di rilanciare la ricerca letteraria con il massimo di libertà e creatività possibile, senza cioè dare alcun peso all’ideologia del mercato e ai suoi protocolli di scrittura industriale standardizzati. Gli autori selezionati concorrono all’impresa allo scopo di puntare tutto sulla ricezione critica del testo anziché sul venduto, superando i limiti di un sistema che affianca l’ufficio stampa solo ai titoli commercialmente più forti, ma magari meno interessanti dal punto di vista culturale, producendo la desertificazione e omologazione conseguente. Questa, in estrema sintesi, la nuova scommessa in campo.”
 
Si può acquistare dal sito della casa editrice:👇
 
Ordinarlo nelle librerie oppure è disponibilie sui maggiori siti di e-commerce librario (IBS, Amazon, ecc…).
 

“Una scritta verniciata in modo provocatorio e anonimo su vari monumenti storici di Firenze è il punto di inizio di una parabola: l’ascesa e la caduta di un “superfuturo” possibile, collettivo ombra avviato da Alessandro, artista di media carriera al limite della totale disillusione, insieme a un gruppo ristretto di giovani creativi, incerti sull’avvenire. Dai primi video social alle azioni illegali e al successo mediatico, dal consenso delle folle nella piazze italiane all’abbraccio della politica, così si realizza un piano imprevisto, finché il passo ulteriore e inevitabile per Superfuturo diventa la scelta tra l’asservimento o l’eliminazione.
Alessandro tra pittura e dipendenza, Erveo lo stratega, il gallerista Costa, Alizeh in fuga dall’Iran, Michela di famiglia benestante, la gente sul palco, i ragazzi disoccupati e i carcerati. Il confronto in fondo è tra mondi inconciliabili, il potere esige ancora (e forse esigerà sempre) che ci siano alcuni forti e molti deboli – e in tale dialettica, fatta di continui assestamenti e mutamenti di ruolo, resta poco spazio, quasi nulla, per una reale innocenza.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.