• TU35 Expanded – Dibattiti Oxfordiani settembre 19, 2017

    Secondo appuntamento al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci delle serate a ingresso gratuito dedicate ai dibattiti oxfordiani relativi agli artisti di TU 35 Expanded. Mercoledì 20 Settembre alle ore 18 il dibattito verterà su i seguenti artisti, seguiti dai nomi dei rispettivi oratori: 1) Irene Lupi – Giacomo Bazzani vs Matteo Innocenti 2) Antonio Theo Pini – Giacomo Bazzani vs Matteo Innocenti 3) Andrea Carpita – Matteo Innocenti vs Giacomo Bazzani 4) Antonio Turrisi – Matteo Innocenti ...

    Continua a leggere
  • Simona Paladino / inaugurazione mostra / Vis à Vis – Fuoriluogo 20 settembre 19, 2017

    Vis à Vis – Fuoriluogo 20 Artists in Residence Project Mafalda (CB)   Simona Paladino   “Luogo di concentrazione” – è uno stato di attenzione mentale, una situazione di convergenza, di raggruppamento verso un punto ben preciso: raccolto al centro. L’atto di concentrarsi, del fissare il pensiero con intensità su qualcosa è un’azione privata ...

    Continua a leggere
  • Tatiana Villani / inaugurazione mostra / Vis à Vis – Fuoriluogo 20 agosto 25, 2017

    Vis à Vis – Fuoriluogo 20 Artists in Residence Project San Giuliano del Sannio (CB) Torre dell’Orologio Tatiana Villani Domenica 27 agosto alle ore 18,30 presso la Torre dell’Orologio a San Giuliano del Sannio l’inaugurazione della  mostra conclusiva delle opere realizzate dall’artista in residenza Tatiana Villani. I lavori sono il ...

    Continua a leggere
  • TU35 Expanded – Centro Pecci agosto 23, 2017

    Una mostra accompagnata da numerosi eventi che porterà al Centro Pecci giovani artisti provenienti da Toscana, Umbria, Marche ed Emilia Romagna. La mostra sarà visitabile dal 20 luglio fino al 1 ottobre e vi saranno esposte opere di 25 giovani artisti di cui 20 nominati da addetti ai lavori provenienti dalle regioni coinvolte e 5 selezionati tra coloro che hanno riposto all’open call del Centro Pecci. Durante il periodo della mostra un ricco calendario di eventi: il giovedì performance, il venerdì ...

    Continua a leggere
  • Enzo Cucchi e Enrico David: Entro dipinta gabbia agosto 18, 2017

    Tra le prime prove liriche del Leopardi, poi raccolte e titolate Puerili, vi è L’ucello dal celebre esordio Entro dipinta gabbia; componimento che già dimostra un’assimilata conoscenza del versificare seppur allora l’autore sia solo dodicenne, nonché un talento poetico d’immagine e di pensiero in nuce, pronto negli anni seguenti a determinarsi come uno dei principali dell’Ottocento europeo. Il brano nella sua freschezza, che niente ha di sprovveduto, credo che continui a colpirci per un aspetto particolare: esso mostra in modo schietto e ...

    Continua a leggere
  • Lost Horizon. Un’intervista con Antony Gormley giugno 21, 2017

      Co-ordinate è la nuova mostra personale di Antony Gormley presso Galleria Continua. Il titolo si riferisce a una riflessione sulla scultura intesa come luogo più che come oggetto – in relazione dialettica alla recente esposizione dell’artista inglese al Forte Belvedere di Firenze, dove l’insieme di sculture si concentrava sulla presenza corporea e sulla sua misura concreta. Oltre un vasto corpus di opere nei vari ambienti, al centro della galleria, nella platea dell’ex cinema, Gormley presenta ...

    Continua a leggere
  • Hermann Nitsch | O.M.T. colore dal rito aprile 20, 2017

    Degli artisti riferibili al Wiener Aktionismus (Günter Brus, Otto Mühl, Rudolf Schwarzkogler) Hermann Nitsch (Vienna, 1938) compie il percorso più longevo, restando tuttora accese nella sua ricerca le criticità di proposizione e di ricezione. Risale già al periodo 1957-1960 la sua fascinazione per un’opera d’arte totale – Gesamtkunstwerk, secondo la tradizione romantica tedesca – da cui conseguirono le pratiche del Teatro delle Orge e dei Misteri, col fine della catarsi nell’accezione dell’originale greco: azioni drammaturgiche ispirate ai Misteri ...

    Continua a leggere
  • Bill Viola e il Rinascimento elettronico a Palazzo Strozzi aprile 14, 2017

    C’è un andamento nelle opere di Bill Viola che oltre il valore biografico, di ricerca, stimola all’esterno un effetto di profonda immedesimazione. Uomini e donne in cammino, fluidi in caduta, successione emotiva. Una sua mostra, ogni singola installazione, richiede l’immedesimazione in un tempo espanso: non il conto del minutaggio ma un abbandono fino a sentire la coincidenza tra il nostro stare lì e la durata delle azioni registrate. Avviene anche nella spazialità quando per lo stato dell’inquadratura o ...

    Continua a leggere