• Manufatto in situ / 10 paesaggi a cura di VIAINDUSTRIAE Gennaio 5, 2018

    VIAINDUSTRIAE è un gruppo costituito nel 2005 a Foligno nella modalità di associazione no-profit, che nel tempo ha mantenuto una forma “aperta” e perciò adattabile: ne fanno parte professionalità specifiche e differenti tra cui architetti, urbanisti, designer, grafici, ognuna di esse (il numero è variabile) mette in condivisione le proprie abilità per varie tipologie di progetto, l’organizzazione di eventi culturali, la curatela di artistici, il disegno, la pubblicazione e l’edizione di libri-cataloghi. Complementare alla prassi, all’operatività industriosa come evocato ...

    Continua a leggere
  • Joseph Kosuth, Maxima Proposito (Ovidio) | Vistamare, Pescara Dicembre 11, 2017

    In Art After Philosophy del 1969 il giovane Joseph Kosuth dichiarava che l’arte non era se non interrogazione sulla propria natura e quindi sull’insieme dei suoi significati – una novità, fondativa del conceptualism, per l’intenzione manifestata senza remore e per l’esplicitazione finalmente diretta, più che per il contenuto: poiché a riguardo di quest’ultimo valeva già come ragionamento oppositivo che ogni variazione stilistica attuata nel corso della storia è stata ed è effetto anche di una domanda, tutte le volte di nuovo posta, ...

    Continua a leggere
  • Abitare l’Arte | Incontro nazionale di residenze d’artista Novembre 22, 2017

    Attiva dal 2010 AIR – artinresidence, network dell’associazione FARE, continua a svolgere una preziosa attività di ricognizione sulle residenze d’artista favorendo altresì collegamenti tra le stesse; a partire da tale esperienza è di recente ideazione e di prossimo inizio AIR tour, progetto che ha come obiettivo lo sviluppo di un’originale forma di turismo culturale attraverso la promozione e la valorizzazione delle residenze stesse. L’incontro nazionale Abitare l’Arte[1], ospitato nel Palazzo della Cultura di Breno nel distretto culturale ...

    Continua a leggere
  • Il Respiro delle statue | Vanessa Beecroft VB83 e VB84 Ottobre 19, 2017

    Nel programma della X edizione di Firenze Suona Contemporanea, dal titolo Il respiro delle statue, tra gli eventi due performance di Vanessa Beecroft per il cortile di Palazzo Strozzi e per la Sala della Niobe delle Gallerie degli Uffizi – secondo l’intenzione a base della manifestazione di relazionare arte classica e presente, attraverso sperimentazioni e commistioni mediali. La ricerca artistica di Vanessa Beecroft è attraversata per intero da un senso di classicità; il riferimento al classico, in modo particolare alla tradizione rinascimentale italiana, ne ...

    Continua a leggere
  • Limiti Inchiusi | Intervista con Paolo Borrelli e Fausto Colavecchia Ottobre 12, 2017

    Attiva da oltre un ventennio e con base in Molise l’associazione Limiti Inchiusi ha sviluppato una serie di progetti d’interrelazione tra le particolarità locali e le tendenze complessive dell’arte, con l’obiettivo di vitalizzare le pratiche culturali del territorio – sia nel verso di un accoglimento all’interno che di una diffusione all’esterno. Abbiamo cercato di ripercorrere le tappe di questa densa storia con gli artisti Paolo Borrelli e Fausto Colavecchia, nucleo ideativo e operativo dell’associazione nella sua forma ...

    Continua a leggere
  • Enzo Cucchi e Enrico David: Entro dipinta gabbia Agosto 18, 2017

    Tra le prime prove liriche del Leopardi, poi raccolte e titolate Puerili, vi è L’ucello dal celebre esordio Entro dipinta gabbia; componimento che già dimostra un’assimilata conoscenza del versificare seppur allora l’autore sia solo dodicenne, nonché un talento poetico d’immagine e di pensiero in nuce, pronto negli anni seguenti a determinarsi come uno dei principali dell’Ottocento europeo. Il brano nella sua freschezza, che niente ha di sprovveduto, credo che continui a colpirci per un aspetto particolare: esso mostra in modo schietto e ...

    Continua a leggere
  • Lost Horizon. Un’intervista con Antony Gormley Giugno 21, 2017

      Co-ordinate è la nuova mostra personale di Antony Gormley presso Galleria Continua. Il titolo si riferisce a una riflessione sulla scultura intesa come luogo più che come oggetto – in relazione dialettica alla recente esposizione dell’artista inglese al Forte Belvedere di Firenze, dove l’insieme di sculture si concentrava sulla presenza corporea e sulla sua misura concreta. Oltre un vasto corpus di opere nei vari ambienti, al centro della galleria, nella platea dell’ex cinema, Gormley presenta ...

    Continua a leggere
  • Bill Viola e il Rinascimento elettronico a Palazzo Strozzi Aprile 14, 2017

    C’è un andamento nelle opere di Bill Viola che oltre il valore biografico, di ricerca, stimola all’esterno un effetto di profonda immedesimazione. Uomini e donne in cammino, fluidi in caduta, successione emotiva. Una sua mostra, ogni singola installazione, richiede l’immedesimazione in un tempo espanso: non il conto del minutaggio ma un abbandono fino a sentire la coincidenza tra il nostro stare lì e la durata delle azioni registrate. Avviene anche nella spazialità quando per lo stato dell’inquadratura o ...

    Continua a leggere
  • Il sistema di corrispondenze di Jessica Warboys | Allotropes Aprile 23, 2016

    Casa Masaccio mantiene un ruolo importante per costanza e qualità della proposta all’interno della scena dell’arte contemporanea in Toscana e non solo; meritoria, oltre le esposizioni a carattere collettivo, la concentrazione su personali di artisti internazionali, come già avvenuto e nel caso attuale di Jessica Warboys (Newport, 1977) in collaborazione con Tate St Ives e Kunsthall Stavanger. L’allotropia è in chimica la qualità di un elemento di esistere in diverse forme, in base ai legami variabili tra ...

    Continua a leggere
  • Andrea Santarlasci – Riflessi da un luogo invisibile Gennaio 10, 2016

    Un luogo si fa interessante per una ricerca artistica, sino a divenirne radice d’ispirazione, dal momento della sua sottrazione alla dimestichezza con lo sguardo e di riconsegna a un ambito di più ampia apertura; così nella rivelazione delle alterità l’artista sceglie e, per una via che può trovare consistenza tanto nella potenza immaginifica quanto nell’elemento fisico, procede a ridefinire lo specifico del luogo stesso. Tale tensione oltre le coordinate percettive consuete, tra le due estremità di scoperta e rammemorazione, è ...

    Continua a leggere
  • Ripensare il medium: il fantasma del disegno Dicembre 6, 2015

    Meditare su un soggetto attraverso una sua possibile assenza – presentirne a un certo punto un mutamento di grado, provvisorio o definitivo che sia – per il pensiero occidentale significa anche, in maniera inevitabile, riconoscere nel soggetto stesso una tradizione duratura; è forse proprio la vertigine d’immaginarsi senza ciò che nei secoli e talvolta nei millenni è parso inscalfibile a innescarsi come primo moto fascinatorio. Così vale per il disegno, mezzo ed espressione nelle cui trasformazioni si rintracciano tanti moti ...

    Continua a leggere
  • Ornaghi & Prestinari ☛ Galleria Continua, Siena Aprile 9, 2014

      Familiare, parola-indice della disposizione al fondo della propria ricerca: che è una resistenza in verso positivo, determinante affinché ogni resa formale conservi e disveli la volontà, la dedizione e la sorpresa di cui è diretta conseguenza. Il duo Ornaghi & Prestinari (Milano 1986, 1984) – è la loro prima esposizione alla Galleria Continua – si esprime in una dimensione di felice equilibrio; la sperimentazione variabile di tecniche e materiali, in ciò influisce la formazione rispettivamente in disegno industriale e in architettura, evita ...

    Continua a leggere