Nu descendant un
escalier
 all’arte
che non domanda
per non domandarsi
troppo, gioco di dadi
con accesi sigari, tale
è Selavy se vi appare

un curioso gioco dell’hazard
che vale almeno quanto
il fato più la provvidenza
e c’è proprio Dio
(o meglio la nostra idea)
in quel Mutt pisciatoio
rovesciato

è lì che vi ho visto la vergine
in maternità, silhouette
anticipante suggerendo
una ventre venuta del cristo
poi
macchine onanistiche per
eccellenza e la sposa
tendenzialmente abusata
da tutti i tabù –
dal madre incesto
al sesso libero
nel cioccolato

…sbuca dalla tenda
guardando dal buco
d’una serratura l’artista
che non risponde
altro che di – e a – sé stesso,
magari neppure,
da..da..

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *