Residenze d’artista – Controtendenze

Il sistema dell’arte oggi vede la residenza d’artista come un format consolidato e costitutivo. Residenza è sinonimo di mobilità, produzione, ricerca.Alcune esperienze pioniere si rinnovano oggi proponendo approcci inediti e modalità alternative.Quanto può la residenza incidere sulla produzione artistica?Quali strumenti reclamare?Come possono le residenze e gli artisti non limitarsi a rappresentare un network di addetti

MAT-A.I.R. 2019. Come & Seed: coltivare nuovi modelli di residenza

Le residenze oggi rappresentano uno degli strumenti principali di indagine, studio e produzione artistica. Una costellazione di realtà che offre un quadro della scena creativa contemporanea molto effervescente e saldamente radicata sui territori; un lavoro che svolge un ruolo importante nella rigenerazione dei territori e nell’accessibilità al mondo dell’arte contemporanea. All’interno del programma di Matera

Suona bene! – Estuario project space

SUONA BENE!a cura di Estuario project space sotto la protezione di Ravadan Pitoni 26 ottobre 2019 dalle ore 21:00Celle Ex Frigo – Officina GiovaniPiazza Macelli 4 PRATO installazioni sonore e video, DJ set Roberto Memoli – Layer After Layer After LayerRoberto Fassone – Nasty state of mindMatteo Bertini – MiscellaneousAskal Fukushima – DJ set Estrazione

Vis a Vis Fuoriluogo 22 – Paolo Borrelli e Fausto Colavecchia – Ci rivedremo a Filippi

“Ci rivedremo a Filippi”, così la frase che lo spettro di Cesare rivolge in sogno a Bruto – il quale è ormai ossessionato dalla partecipazione alla congiura contro il dittatore – prevedendone la futura sconfitta mortale presso la città Macedone. L’episodio di immaginazione viene riportato dallo storico Plutarco nelle Vite parallele (fine I – inizio

Vis à Vis Fuoriluogo 22 – Marina Arienzale – In Germani il pane non esiste

Marina Arienzale con l’installazione In Germania il pane non esiste costruisce un racconto collettivo di Roccavivara in una duplice modalità.Una traccia audio che raccoglie i dialoghi avuti con gli abitanti del paese nel corso dei giorni di residenza – insieme di memorie, impressioni, valutazioni sulla situazione presente e immaginazioni sul futuro – viene riprodotta in

Vis à Vis Fuoriluogo 22 – Alessandra Brown – Distant Voices, Still Lives

Distant Voices, Still Lives di Alessandra Brown – traducibile come “voci distanti” e, cercando di rendere la doppia sfumatura dell’inglese, “vita immobile” o “vita che continua” – inizia dal dialogo con gli abitanti di Lucito e dalla visione di alcuni album fotografici personali: le immagini risalenti a periodi differenti, dall’inizio del Novecento in poi, testimoniano

Su critica e curatela d’arte – Walktable

Questa riflessione inizia da una premessa di metodo e concetto: non considero la critica e la curatela d’arte come attività tra loro distinte.Si ritiene perlopiù che la curatela sia un esercizio recente, avviato da qualche decennio – con anticipazioni vaghe nel passato e comunque non prima dell’ultimo Ottocento – definito negli anni Settanta dello scorso

Carapelli for Art 2019 – i vincitori

1.357 partecipanti da 52 nazioni: Carapelli for Art premia l’arte sul tema “Unione. L’incontro tra le varietà che porta a nuovo valore”.Ecco svelati i quattro vincitori della seconda edizione premiati lo scorso 23 Ottobre presso la Triennale di Milano. CATEGORIA OPENAndrea ZucchiniDreamwalker (2019. 4K video, Stereo sound 15’ e 30”) Dreamwalker di Andrea Zucchini, un’installazione

WHERE TO NOW? Estuario Project Space

  ESTUARIO project space, in collaborazione con il Comune di Prato e Officina Giovani, si “presenta” il 19 maggio 2019 aprendo i propri spazi e inaugurando WHERE TO NOW?, progetto collettivo derivato dal laboratorio Fare arte contemporanea, con interventi degli artisti Marina Arienzale, Roberto Fassone, Enrico Vezzi, Virginia Zanetti. Il primo progetto di ESTUARIO project

WHERE TO NOW? Laboratorio “Fare arte contemporanea”

Fare arte contemporanea è un laboratorio propedeutico tenuto dagli artisti, critici, curatori e professionisti componenti il gruppo Estuario, rivolto ai giovani (dai 18 ai 35 anni) che intendono avvicinarsi al sistema dell’arte contemporanea.L’obiettivo è coinvolgere i partecipanti nella progettazione e sviluppo della mostra d’arte che si terrà nello spazio di Officina Giovani, quale prima presentazione

Walk About #2 A Place to be

1 marzo – 24 aprile 2019Lato, Prato Da un pensiero di Ermanno Cristini, Matteo Innocenti, Luca Scarabelli Aurelio Andrighetto, Simona Barbera, Tiziano Campi, Umberto Cavenago, Ermanno Cristini, Hannes Egger, Ronny Faber Dahl, Pierluigi Fresia, Armida Gandini, Giancarlo Norese, Luca Scarabelli, Olivia Vighi Accesso Obliquo nasce dall’incontro di due progetti, Walkabout e A Place to Be

Carapelli for Art 2019

Dal 15 aprile, in occasione del World Art Day, parte ufficialmente la seconda edizione di Carapelli For Art, premio internazionale per le arti visive con cui la storica azienda olearia Carapelli Firenze conferma il proprio sostegno alla cultura. Online il bando per l’iscrizione alle categorie “Open” e “Accademia”. Carapelli è lieta di annunciare la seconda