• Sara Rossi – Ane Mette Hol settembre 20, 2012

    È di scena un doppio sguardo femminile, contemporaneo, negli spazi P27 e P21 della galleria pratese Enrico Fornello: protagoniste le due artiste Sara Rossi e Ane Mette Hol. Personalità entrambe, pur nella diversità, capaci di relazionare la fascinazione visiva dell’opera d’arte a una riflessione sui significati e sulle possibilità della stessa. Sara Rossi (Milano, 1970) pratica e sperimenta il video, la fotografia, le installazioni da circa una decade; già spiccano nel suo percorso alcune partecipazioni a importanti manifestazioni italiane ed estere. ...

    Continua a leggere
  • Katharina Karrenberg – Cina_Cine_Crime. Uccello: La battaglia di San Romano settembre 20, 2012

    Un orrido manichino femminile con gli arti da pupazzo e il volto rubato a certe dive del cinema classico, ritto in capannoni tessili, esposto nei piccoli negozi: è questa l’immagine che la civiltà cinese ha dell’uomo occidentale? E tale rappresentazione, così grossolanamente approssimativa, non rivela forse più sul suo autore che sull’oggetto stesso? Ebbene, cosa ne concluderemo? Interrogativi, molti, alla base della mostra di Katharina Karrenberg,Cina_Cine_Crime, presso i locali di Villa Romana: un percorso dalla disposizione variabile come ipotesi d’interpretazione e ...

    Continua a leggere
  • Enzo Cucchi – DISegno settembre 19, 2012

    Davanti alla nuova mostra di Enzo Cucchi (Morro d’Alba, Ancona, 1949; vive ad Ancona e Roma) si è come attori di uno strano accadere. Dapprima è un senso di disorientamento, frustrazione, persino rabbia. Si vaga da un punto all’altro del percorso con la mente vuota e convinti, senza saperne dare una definizione, che manchi qualcosa. Poi questa assenza, d’improvviso, si fa rivelazione. Sospesi sulle nostre vertigini emotive – quasi fossimo quegli uomini sulla cima di monti misteriosi, tracciati a carboncino dentro le ...

    Continua a leggere
  • Video Shake – II. Muoviti fermo! I’m too sad to tell you settembre 19, 2012

    Una rassegna d’arte-video-performance, denominazione lunga per un evento poco frequente a Firenze, con il valore aggiunto di una suggestiva ambientazione quale la Limonaia di Villa Strozzi. Si tratta di Video Shake, iniziativa prodotta dal Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci all’interno della programmazione culturale del Quartiere 4. Un percorso espositivo scandito da due momenti, le Forme del corpo a cura di Pietro Gaglianò e Muoviti Fermo! I’m too sad to tell you, progettato da Lorenzo Bruni, per una finalità unica: evidenziare il rapporto profondo ...

    Continua a leggere
  • César – Anthologie par Jean Nouvel settembre 19, 2012

    Sembra restare nei confronti di César (Marsiglia, 1921 – Parigi, 1998), a dieci anni dalla sua scomparsa, un’ultima resistenza critica. Il trascorrere dell’artista tra fasi estremamente diverse, talvolta in apparenza antitetiche, ha generato nel tempo un dubbio sulla coerenza del piano d’insieme: lo scultore avrebbe peccato di eccessivo eclettismo o, all’inverso, di poca riconoscibilità. Il tentativo odierno dell’architetto Jean Nouvel, che gli fu intimo amico e ne discusse sovente la visione del reale, mira proprio alla risoluzione della questione. Attraverso una mostra antologica ...

    Continua a leggere
  • Peter Doig – Le peintre, l’homme et la nature settembre 19, 2012

    È uno strano caso quello di Peter Doig (Edimburgo, 1959; vive a Trinidad), come se i suoi personaggi -uomini immersi in paesaggi solitari- diventassero improvvisamente celebrità mondane. Solo con un’immagine si riesce a spiegare il mistero di un artista contemporaneo, quasi cinquant’anni portati con aria da ragazzino svagato, poco conosciuto dal grande pubblico eppure capace di vendere un proprio quadro a circa dieci milioni di euro da Sotheby’s (si tratta di With Canoe, episodio del 2007). In tale mancanza di connessione tra causa ...

    Continua a leggere
  • Traces du Sacré settembre 19, 2012

    Narra la storiografia le imprese di un uomo moderno, uscito dalla coltre oscura del passato e finalmente deciso a conquistare i mezzi materiali e intellettuali necessari per sopravvivere alla natura fatale e alla divinità imperscrutabile. Autodeterminando la propria morte, l’umanità avrebbe quindi marciato sempre più velocemente, avanzando metro dopo metro sotto lo sguardo silenzioso del cielo, fino a raggiungere mete lontanissime. Luoghi dove la libertà è un soffio e Dio non può arrivare. Luoghi che si aprono alle voragini infinite del ...

    Continua a leggere
  • Dio, anzi l’arte, ti vede settembre 19, 2012

    Rivolgersi al flusso dirompente di ordine e caso che scorre nelle zone di New York o Londra – quindi più in generale nel contesto metropolitano – per ottenerne la materia prima di nuove creazioni: questo tentativo di sintesi tra folla e identità è quanto avvicina le ricerche di Tomoaki Suzuki e Maria Antonietta Mameli, i protagonisti della doppia personale al Museo Marini. Tomoaki Suzuki (Mito, 1972; vive ...

    Continua a leggere