• Faces. Ritratti nella fotografia del XX secolo settembre 20, 2012

    L’essenza del ritratto, su tela o pellicola, deriva almeno da due cause fondamentali: l’affermazione identitaria e la testimonianza storica. Invece, la fascinazione che lo pervade è connessa alla legge del divenire, cioè all’annullamento della distinzione tra essere, essere altro e non essere più. In fondo, noi saremmo sconvolti dalla relazione paradossale tra la fissità del soggetto e il movimento temporale che riduce la presenza a ricordo, il presente a passato. Roland Barthes, interrogandosi sul fattore misterioso che lo attraeva a certe immagini (il punctum), ...

    Continua a leggere
  • Dai comics all’arte fotografica settembre 20, 2012

    In Italia la fotografia è considerata arte solo a intermittenza; la situazione appare simile a un limbo, divisione profonda tra chi neanche opererebbe un distinguo tra pellicola e tela e chi invece giudica lo scatto poco più di un’improvvisazione amatoriale. Può darsi anche che la negazione non sia causata dalla forma espressiva in sé, quanto da un’aprioristica riserva verso il mezzo utilizzato, come se la meccanicità e l’automatismo invece che l’eventualità fossero sinonimo di determinata semplificazione, e quindi di possibile ...

    Continua a leggere
  • Mauro Staccioli – Pensare la scultura settembre 20, 2012

    Mauro Staccioli (Volterra, Pisa, 1937; vive a Milano) è annoverato comunemente tra i maggiori scultori contemporanei e, infatti, le sue tracce affiorano in punti diversi e distanti del globo, da Roma ad Amherst, da Bruxelles a Seul e così via, lungo un’ideale mappa ecumenica. Se viaggiassimo di città in città troveremmo sovente un’opera del maestro toscano, una delle sue enormi quanto riconoscibili “creature” di cemento. Ebbene, da questo stesso carattere positivo deriva anche una difficoltà evidente: qualora all’artista si volesse dedicare ...

    Continua a leggere
  • Pablo Echaurren settembre 20, 2012

    “Strano pregiudizio che valorizza ciecamente la profondità a scapito della superficie, pretendendo che ‘superficiale’ significhi non già di ‘vaste dimensioni’, bensì di ‘poca profondità’”. Così scriveva Michel Tournier in appendice a un suo celebre romanzo, sviluppando una riflessione tanto acuta da adattarsi ai più diversi contesti. Ne prendiamo spunto – quasi una chiave di lettura – per la mostra Pablo Echaurren(Roma, 1951) allestita al Palazzo Civico di Siena. La personale, appena conclusa, ha raccolto i principali risultati artistici dell’ultimo ventennio autoriale: ...

    Continua a leggere
  • Sara Rossi – Ane Mette Hol settembre 20, 2012

    È di scena un doppio sguardo femminile, contemporaneo, negli spazi P27 e P21 della galleria pratese Enrico Fornello: protagoniste le due artiste Sara Rossi e Ane Mette Hol. Personalità entrambe, pur nella diversità, capaci di relazionare la fascinazione visiva dell’opera d’arte a una riflessione sui significati e sulle possibilità della stessa. Sara Rossi (Milano, 1970) pratica e sperimenta il video, la fotografia, le installazioni da circa una decade; già spiccano nel suo percorso alcune partecipazioni a importanti manifestazioni italiane ed estere. ...

    Continua a leggere
  • Katharina Karrenberg – Cina_Cine_Crime. Uccello: La battaglia di San Romano settembre 20, 2012

    Un orrido manichino femminile con gli arti da pupazzo e il volto rubato a certe dive del cinema classico, ritto in capannoni tessili, esposto nei piccoli negozi: è questa l’immagine che la civiltà cinese ha dell’uomo occidentale? E tale rappresentazione, così grossolanamente approssimativa, non rivela forse più sul suo autore che sull’oggetto stesso? Ebbene, cosa ne concluderemo? Interrogativi, molti, alla base della mostra di Katharina Karrenberg,Cina_Cine_Crime, presso i locali di Villa Romana: un percorso dalla disposizione variabile come ipotesi d’interpretazione e ...

    Continua a leggere
  • Enzo Cucchi – DISegno settembre 19, 2012

    Davanti alla nuova mostra di Enzo Cucchi (Morro d’Alba, Ancona, 1949; vive ad Ancona e Roma) si è come attori di uno strano accadere. Dapprima è un senso di disorientamento, frustrazione, persino rabbia. Si vaga da un punto all’altro del percorso con la mente vuota e convinti, senza saperne dare una definizione, che manchi qualcosa. Poi questa assenza, d’improvviso, si fa rivelazione. Sospesi sulle nostre vertigini emotive – quasi fossimo quegli uomini sulla cima di monti misteriosi, tracciati a carboncino dentro le ...

    Continua a leggere
  • Video Shake – II. Muoviti fermo! I’m too sad to tell you settembre 19, 2012

    Una rassegna d’arte-video-performance, denominazione lunga per un evento poco frequente a Firenze, con il valore aggiunto di una suggestiva ambientazione quale la Limonaia di Villa Strozzi. Si tratta di Video Shake, iniziativa prodotta dal Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci all’interno della programmazione culturale del Quartiere 4. Un percorso espositivo scandito da due momenti, le Forme del corpo a cura di Pietro Gaglianò e Muoviti Fermo! I’m too sad to tell you, progettato da Lorenzo Bruni, per una finalità unica: evidenziare il rapporto profondo ...

    Continua a leggere