Prato-Sarajevo ART INVASION #2 tappa di avvicinamento

Prato-Sarajevo ART INVASION #2 tappa di avvicinamento

Giovedì 15 maggio lo Spazio d’Arte Alberto Moretti accoglie la seconda tappa di avvicinamento ai protagonisti di Prato-Sarajevo ART INVASION con le artiste Emma Grosbois e Virginia Zanetti che, in una passeggiata fiolosofica sulle orme di Leonardo da Vinci, si porranno in dialogo con l’artista Remo Salvadori, in un incontro coordinato da Matteo Innocenti. A conclusione alle ore 19 concerto di Gong In viaggio tra bellezza e amore eseguito da Helena Dretar e Enzo Milone.

Le protagoniste della seconda tappa di avvicinamento alle azioni pubbliche di Prato-Sarajevo ART INVASION sono Emma Grosbois e Virginia Zanetti. A fare da cornice a questa tappa è il Montalbano, con la quiete delle colline di Carmignano (PO) dove ha sede lo Spazio d’Arte Alberto Moretti.

Si presenta con un approccio più meditativo e filosofico la seconda tappa di Prato-Sarajevo ART INVASION che va a toccare una parte della provincia di Prato lontana dalla produzione industriale ma carica di una dimensione in cui la natura è da sempre fonte inesauribile di ispirazione. Leonardo, nella zona che da Bacchereto porta a Vinci, Pontormo con la sua Visitazione custodita nella Chiesa di San Michele, Alberto Moretti che qui nacque e che qui ha fondato lo Spazio d’Arte insieme a Raul Dominguez, son tre testimonianze altissime e riferimenti imprescindibili per la riflessione che Emma Grosbois e Virginia Zanetti iniziano o riprendono a riguardo della comunità e del territorio della Provincia di Prato.

Prato-Sarajevo ART INVASION #2 tappa di avvicinamento

 

L’incontro si svolge in diversi momenti della giornata. Alle ore 14.00 il punto di ritrovo è allo Spazio d’Arte Alberto Moretti; da lì sarà possibile seguire le artiste e il curatore che cammineranno insieme all’artista “ospite” di questo appuntamento, Remo Salvadori, per conoscersi, raccontarsi e riflettere sul paesaggio e sull’arte. La proposta di camminare in quei sentieri che furono percorsi da Leonardo, tra  Vinci e Bacchereto, ma dove anche lo stesso Alberto Moretti passeggiava e si ispirava, viene intesa come ri-scoperta di una tradizione storica territoriale e del nostro modo di stare in relazione con essa, alla quale si aggiunge la prossimità e l’esperienza di tutti coloro che partecipano, artisti, curatori, personalità del territorio e pubblico.

Prato-Sarajevo ART INVASION #2 tappa di avvicinamento

Dopo il Camminare si rientra alle ore 17.00 allo Spazio d’Arte Alberto Moretti per riflettere sull’idea di allestimento, con un’azione all’interno dello spazio espositivo dal titolo Intenzionalità come partitura in una continuità di dialogo tra lo spazio interno e la natura circostante. Non si sa quanto ci sveleranno Emma Grosbois e Virginia Zanetti di quello che poi andranno a fare nello spazio pubblico a giugno, ma siamo certi che il loro lavoro avrà a che fare con le relazioni tra la realtà e l’interiorità, guidate da un maestro come Remo Salvadori che ha fatto di questi temi il centro della propria ricerca.

 Prato-Sarajevo ART INVASION #2 tappa di avvicinamento

A concludere la serata alle ore 19.00, in questo continuo scambio di energie, il concerto di Gong In viaggio tra bellezza e amoreeseguito da Helena Dretar e Enzo Milone in cui il suono di strumenti ancestrali porterà tutti i partecipanti alla giornata a ricevere vibrazioni di benessere.

ore 14 incontro allo Spazio d’Arte Albero Moretti e camminata aperta al pubblico
ore
17 rientro allo Spazio e azione Intenzionalità come partitura non aperta al pubblico
ore
18 incontro con il pubblico e resa delle esperienze della giornata
ore
19 In viaggio tra bellezza e amore, concerto di Gong

Emma Grosbois (Rennes/France 1985, vive e lavora a Firenze) è un artista sensibile ai cambiamenti minimi intorno a lei, si nutre di linguaggio e cerca le tracce del genere umano nelle immagini e nei costumi che trova sul suo cammino. Di recente ha portato a termine lavori e ricerche a Bruxelles, Palermo e Firenze. La sua ricerca è caratterizzata da scatti precisi e distaccati che tradiscono l’empatia per il soggetto, la curiosità per l’altro, il mondo.

Virginia Zanetti (Fiesole 1981, vive e lavora a Firenze) Il suo lavoro indaga le dinamiche relazionali, i rapporti che vi sono legati come identità/alterità e confronto/ riconoscimento, attraverso azioni che spesso operano un ribaltamento della visuale abituale. Ogni progetto che realizza, attraverso pratiche visive e performative, parte dal contesto e dalle sue specificità, risorse o limiti che siano, per aprire nuove visioni, da spunti contingenti per rielaborare stati emotivi e di coscienza personali che diventano collettivi, perché comunque presenti, in latenza, nello stesso spettatore. Utilizzo i codici linguistici appartenenti alle comunità con cui si trova a lavorare e, attraverso processi estetici e formali, ne ricerca una trasformazione che li renda espediente di riflessione e di poesia. Nel tentativo di ritrovare costantemente ciò che è più essenziale, ogni cosa acquista valore solo in relazione agli altri.

Remo Salvadori(Cerreto Guidi, FI, 1947, vive e lavora a Milano). L’opera di Remo Salvadori è veicolo ed esito di una costante attenzione verso ciò che lo circonda e verso ciò che interiormente egli verifica essere in stretta relazione con la realtà. Esterno ed interno alla propria sensibilità si coniugano nell’esperienza dell’opera. L’attenzione rivolta al tempo e allo spazio del lavoro, così come del proprio vivere, s’intreccia a riflessioni sul colore, sulla forma, sui materiali, su modalità di rappresentazione e di osservazione. Come afferma l’artista: “E’ un percorso da fare con mente, cuore e membra, in direzione di un desiderio di consapevolezza, quasi fosse un ascensione e l’ascendere è anche un vedersi”. Le sue opere sono conservate in importanti collezioni internazionali tra cui il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, Prato e Ars-Aevi, museo d’arte contemporanea, Sarajevo.

Matteo Innocenti (Firenze, 1981, vive e lavora a Firenze) In linea agli studi universitari in Storia dell’Arte inizia un percorso come critico e curatore. Collabora a vari progetti editoriali (Artribune, Exibart, Flash Art, ATPDiary). E’ stato direttore artistico di TUM, collettivo di artisti e di altre professionalità legate al mondo dell’arte, finalizzato alla ricerca e alla sperimentazione visiva. Attualmente è impegnato in alcuni progetti curatoriali indipendenti, tra cui di recente, proprio a Prato, 8+1 (presso LATO e BBS). È inoltre responsabile della società di comunicazione PMG.

Helena Dretar, nata in Slovenia nel 1976. Dopo la laurea in fisioterapia sceglie vari percorsi formativi di natura olistica, tra cui la scuola internazionale del Maestro di Kundalini, Kriya e Gong Yoga Don Conreaux, dove si forma come Gong Yoga Master. Tiene corsi e seminari, concerti e bagni di gong in Italia e Slovenia.

Enzo Milone (Teano 1951), da circa venti anni ha avviato un percorso di ricerca e crescita personale acquisendo il primo e secondo livello Reiki, con la guida della Maestra di Reiki Iole Fiorenzato. Nel 2008 ha partecipato al primo corso per Gong Master con la guida del Maestro Don Conreaux. in seguito ha partecipato ad un altro corso di formazione con i Master Gong Massimo Piazza e Luca Loreti. Da circa un anno tiene concerti e bagni di gong.

Prato-Sarajevo ART INVASION è un progetto di residenza per giovani artisti attivi in Toscana e Bosnia nell’ambito di Toscanaincontemporanea 2013 che si svolge a Prato tra aprile e giugno 2014.Il progetto è curato e realizzato da Centro per l’arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato con Dryphoto arte contemporanea e Kinkaleri in collaborazione con Comune di Prato, Comune di Carmignano e Spazio d’Arte Alberto Moretti, Carmignano (PO). In collegamento con ARS AEVI – Museo d’Arte Contemporanea, Sarajevo. Gli enti promotori sono Regione Toscana, Provincia di Prato.

Artisti invitati: Francesca Banchelli, Lana Čmajčanin, Gaetano Cunsolo, Emma Grosbois, Lori Lako, Valentina Lapolla, Giacomo Laser e Giulia del Piero, Olga Pavlenko, Bojan Stojcic, Virginia Zanetti

 

Remo Salvadori - appunto per Camminare - 2014

Remo Salvadori – appunto per Camminare – 2014