Varie
  • Italo Tomassoni: Gino De Dominicis l’Immortale Ottobre 17, 2012

    L’eternità dell’arte, l’antichità Sumera, le soluzioni di immortalità. Una vita giocata per assenze. Il critico Italo Tomassoni traccia il ritratto, per certi versi impossibile, di un’artista scomparso da qualche anno, ma da sempre inafferrabile: Gino De Dominicis.   De Dominicis resta ad oggi, uno degli artisti italiani più misteriosi… In effetti è molto difficile fare un discorso su Gino de Dominicis; dato il carattere auto-refereziale, completamente chiuso in sé ...

    Continua a leggere
  • Jannis Kounellis: il fascino della materia Ottobre 17, 2012

    Jannis kounellis (Pireo, 1936), greco di origine ma italiano di appartenenza, esponente primario dell’arte povera e tra i “grandi” della scena contemporanea. Carbone, legno, juta, pietre…con il trascorrere dei decenni l’artista presenta installazioni sempre più ampie, per arrivare infine ad ambienti “totali” carichi di fascino e di mistero: situazioni in grado di trasmettere, per via empatica, delle intuizioni poetiche sullo spazio, sulla memoria e sulla vita.   ...

    Continua a leggere
  • #05 Avere l’incoscienza del genio Ottobre 17, 2012

    Non c’è genialità dove aleggia una coscienza pesante quanto una maglia di ferro, né in quello spirito che pretende d’indirizzare il futuro come uno schema. Piuttosto il genio si perde, conosce solo alla superficie quello che sta compiendo e da ultimo, violentata al massimo l’espressione della propria individualità – Carmelo Bene amava ripetere di “essersi preso a calci in culo da solo” – desidererebbe che scendesse sul proprio io la benedizione estrema dell’oblio. Forse il più grande rivoluzionario nella storia della pittura ...

    Continua a leggere
  • #04 La verità a portata di mano Ottobre 17, 2012

    Una sequela in scorrimento di mostriciattoli disegnati con lo stile elementare e giocoso degli anime,  si rivela essere la semplificazione simbolica del nostro mondo economico; lo spettatore può impugnare un joystick ed abbattere ogni figurina a suo piacimento, innescando al contempo delle precise reazioni sui social networks: a questo punto si presume che il protagonista dell’interazione abbia raggiunto, o sia stato messo in condizioni ideali per raggiungere una più ampia coscienza geopolitica. Una manciata d’immagini straviste in televisione e su ...

    Continua a leggere
  • #03 La truffa del sociale Ottobre 15, 2012

    Essendo tutta l’arte dentro il tempo, condizione necessaria a ogni cosa per esistere, anch’essa deve inevitabilmente portare in sé i segni del proprio momento. Ciò non significa che l’opera artistica riguarda la società in cui viene generata, ma che riguarda anche la società in cui viene generata. In questo caso la congiunzione ha una potere di differenziazione enorme; infatti, poiché l’arte non tende ad altro obiettivo che l’andare oltre sé stessa, ogni riferimento al sociale può scaturirle solo di riflesso e in modo non determinante. Sappiamo ...

    Continua a leggere
  • #02 Prontuario per artisti rampanti Ottobre 15, 2012

    Ci sono tanti modi di costruirsi una carriera nei diversi ambiti, e certo questo vale anche per l’arte. Adesso come nei secoli scorsi – non sarà l’idealismo romantico a salvarci – il sistema artistico contempla una serie di norme, codici, mondanità utili ad essere creduti e rispettati quali autori di grido. Si tratta di un meccanismo complesso, alienante per differenti motivi, e in quanto tale si presta ad un’attenta riflessione – soprattutto da parte di coloro che non ...

    Continua a leggere
  • #01 Elogio della Santa Ignoranza Ottobre 15, 2012

    Certe volte in penombra per un effetto di seduzione, altre al chiarore accecante di lampade al neon o soltanto con il bagliore incostante dei monitor; qualunque sia il tipo di luce lo sguardo non può sottrarsi alla constatazione della qualità più evidente e costante – con un’amarezza variabile secondo la disposizione a mentirsi: ci sono sempre le stesse persone. Uno, due, tre, cinque, dieci, una picco di qualche dozzina nell’ora che sembra più giusta, poi la diminuzione progressiva fino al ...

    Continua a leggere
  • Louis-Ferdinand Céline (Dott.Destouches) Ottobre 15, 2012

    Ruzzolar di parole giù in discesa che s’inseguono o meglio parola mangia parola nel cannibalismo del linguaggio… …la terribile tosse del dottor Destouches insistente come una sessione jazz scomposta a orbitare nella gola era farsi di scrittura già disfatta nell’oblio come un suono e nient’altro, né più né meno di tre puntini d’inchiostro sul mondo intero un nero sapore di miseria umana.     ...

    Continua a leggere
  • Georg Baselitz Ottobre 15, 2012

    Il piccolo Baselitz (già correva una lunga notte bianca) tra le correnti d’afa si masturbava a braccio per non saper che altro fare di quel complesso mondopisello gli eventi sommati davano niente solo il preannuncio di un’inutilità congenita, le azioni al futuro? mai che divenissero un divenire davanti nell’ora concreta dei fatti allora quel ragazzino tutto pepe si sbottò e basta, qualcosa là messo fuori perché fosse strattonato esuegiù una parentesi di cielo e di luna infinita come lotta, come sosta, come estasi ...

    Continua a leggere
  • Marcel Duchamp Ottobre 15, 2012

    Nu descendant un escalier all’arte che non domanda per non domandarsi troppo, gioco di dadi con accesi sigari, tale è Selavy se vi appare un curioso gioco dell’hazard che vale almeno quanto il fato più la provvidenza e c’è proprio Dio (o meglio la nostra idea) in quel Mutt pisciatoio rovesciato è lì che vi ho visto la vergine in maternità, silhouette anticipante suggerendo una ventre venuta del cristo poi macchine onanistiche per eccellenza e la sposa tendenzialmente abusata da tutti i tabù ...

    Continua a leggere
  • Vanessa Beecroft: quando la modella è statuaria Ottobre 2, 2012

    Controversa, celeberrima, fra le (poche) artiste italiane note e rinomate nel mondo. È Vanessa Beecroft. L’abbiamo incontrata nel giorno della “sua” performance alla Biennale di Carrara… Iniziamo dal presente: quali sono i tuoi progetti? Per il futuro sto lavorando a un’importante opera che si concretizzerà nel corso del 2011, a New York. Invece l’ultima performance realizzata, VB66, si è svolta al mercato ittico di Napoli: la ritengo importante perché, oltre ai corpi di un gruppo di ragazze interamente dipinte di nero, ho ...

    Continua a leggere