Teatro
  • Primo atto ottobre 7, 2012

    Si apre lentamente il sipario; il panno costretto di malanimo alla fatica assurda del ritirarsi, per un inizio che sempre si ripeterà identico. Dietro, Macbeth nel pieno della sua stazza e della sua armatura, preso a contemplarsi in un triplo specchio – o immaginazione solitaria delle tre streghe, come immaginazione sarà tutto il resto. Sul pavimento – visibili da una proiezione video verticale sul fondo, come una planimetria – sono disegnate di bianco vari linee e nomi. La ...

    Continua a leggere
  • Secondo atto ottobre 7, 2012

    Musica e di nuovo luce – anche il calco di Duncano è illuminato. Macbeth da solo sulla scena, davanti ai tre specchi come all’inizio, danza mezzo ubriaco. Così barcollante sembra un gigante sul punto di crollare (gli specchi amplificano l’effetto). Di colpo però egli si ferma, visibilmente infastidito per essere stato interrotto. Interrotto da cosa? Macbeth sta fissando un punto immaginario dinanzi a sé: è l’evento ineludibile che lui agirà e da cui, allo stesso tempo, sarà agito. ...

    Continua a leggere
  • Terzo atto ottobre 7, 2012

    Atto terzo Luce centrale sul palco, Macbeth, con andamento da equilibrista – poiché costretto a tenersi la corona con le mani per non farla cadere – va a contemplarsi davanti ai tre vetri di destra. Quindi si volta a uno specchio di sinistra e vi ritrova il sé Banquo MACBETH scrutando ad occhi stretti, per vederci meglio Siete voi Banquo? BANQUO Eccoti dunque re, Cawdor, Glamis; tutto ciò che le donne del destino ti avevano ...

    Continua a leggere
  • Quarto atto ottobre 6, 2012

    Macbeth rientra, sopra al suo cavallo fasullo. Si ferma davanti ai tre specchi. MACBETH Oh nere, arcane, notturne streghe, che fate? STREGHE insieme, è sempre la voce di Lady Macbeth Un’opera senza nome. MACBETH accarezza il destriero In forza dell’arte che professate , vi impongo di rispondermi. STREGHE insieme Vuoi tu udire le risposte dalla nostra bocca o da quella dei nostri signori? MACBETH tanto impettito da essere ridicolo Chiamateli, che io li veda! ...

    Continua a leggere
  • Quinto atto ottobre 5, 2012

    Luce. Entra Lady Macbeth con la corona infilata in un braccio ciondoloni, le mani macchiate di sangue, che va a immergere nuovamente, e il candelabro acceso davanti al volto. LADY MACBETH scrutandosi le mani al lume della candela, vaneggia piegata davanti alla bacinella Ma vi è una macchia sempre – yet here’s a spot! Via dannata macchia! Via dico! L’inferno è tenebroso – l’enfer est sombre! Vergogna signore vergogna! Un soldato ...

    Continua a leggere