Exibart
  • Ragnar Kjartansson – Me and My Mother Ottobre 1, 2012

    È un’intrigante e piacevole meccanismo ironico a far sì che le opere diRagnar Kjartansson (Reykjavik, 1976) procedano agilmente fra i temi opposti della vita e della morte. Partendo da un codice noto – assimilabile allo sketch cinematografico e televisivo, ma rispetto ad essi allungato nella durata, per la ripetizione assurda di un medesimo atto – sono svelati alcuni dei nodi celati dalla normalità: come se la distensione temporale si traducesse in ingrandimento visivo e dunque lo sguardo, invitato a insistere, potesse ...

    Continua a leggere
  • Catherine Griffiths & Dan Rees – Home for Lost Ideas Ottobre 1, 2012

    Un’insolita abitazione Home for Lost Ideas, ovvero un rifugio – forte e sicuro proprio perché irreale – in cui collezionare quei progetti artistici rimasti in potenza e dopo, complice l’inarrestabile trascorrere del tempo, svaniti al pari di una chimera. La Archive Books, casa editrice della rivista The Exhibitionist, pubblica un volume dalla forma composita: interni in un rigoroso bianco e nero con rivestimento di una copertina in tela, alternanza di testi, appunti autografi, schizzi, mail e quant’altro. Tale è la massa di ...

    Continua a leggere
  • XIV Biennale Internazionale di Scultura di Carrara – Postmonument Ottobre 1, 2012

    L’intenzione di animare il contesto cittadino, per dare nuovamente a Carrara e al suo evento più importante l’attenzione dell’establishment artistico, del pubblico internazionale e dei media può già dirsi, almeno parzialmente, realizzata: come una sceneggiatura “aperta” o un’improvvisazione jazzistica – ma con dietro la mente ben presente di Fabio Cavallucci e dei suoi collaboratori – la Biennale di Scultura è venuta definendosi giorno dopo giorno, nella sostanza e nella forma, attraverso rivelazioni, colpi di scena, presenze importanti, intuizioni audaci, provocazioni ...

    Continua a leggere
  • Torniamo con i piedi per Aria Ottobre 1, 2012

    Dopo l’acquisizione di opere d’arte – tra cui certo spiccava l’epico ed evocativo Grande Carico di Anselm Kiefer, suggestione materica da una poesia dell’austriaca Ingeborg Bachmann – la biblioteca pistoiese di San Giorgio rinnova la relazione con le espressioni contemporanee: questa volta si tratta di un progetto, meno istituzionale sia nella forma che nel budget, da ambientarsi nelle vetrine e nello spazio d’entrata del complesso. Il giovane curatore interessato, Gabriele Tosi, ha scelto come titolo e tracciaTorniamo con i piedi per Aria, consapevole ...

    Continua a leggere
  • Arte del XX secolo nelle Collezioni delle Fondazioni Bancarie di Venezia e Pistoia Ottobre 1, 2012

    ittà molto diverse le cui fondazioni bancarie, per successione di casualità, scelgono di esporre congiuntamente le raccolte d’arte di appartenenza: così nei due piani di Palazzo Fabroni trova ospitalità la combinazione delle collezioni pistoiese e veneziana. Da decenni Pistoia pratica un’operazione che, secondo le parole della stessa curatrice Lara-Vinca Masini, detiene caratteri di assoluta eccezionalità. Difficilmente infatti si troverà nel panorama italiano un’altra provincia che abbia acquistato e conservato tante opere con l’obiettivo, preciso, di promuovere il meglio dell’arte locale....

    Continua a leggere
  • Sette piccoli errori. Seven little mistakes Ottobre 1, 2012

    In ultima analisi, le corrispondenze interne a Seven Little Mistakesrivelano una disposizione di tipo musicale. L’insieme costituito dalla mostra non può né vuole essere interpretato con gli strumenti della logica e del senso; meglio gli si confà quella peculiare empatia – sempre accompagnata da vaste immaginazioni – che nasce all’ascolto di un componimento. Insomma, se l’udito attraverso gli occhi della fantasia ci esorta a divagare, l’errore è quanto, per etimologia, ci conduce fuori direzione: tali due movimenti, simili tra loro, sono ...

    Continua a leggere
  • De Bruyckere – Pancrazzi – Sassolino – Solakov – Zhen Ottobre 1, 2012

    Nedko Solakov, come un Bosch ma in chiave moderna e più ironica, deflagra immagini complesse con insert imprevisti e dissacranti. Si considerino la nuova installazione in cui un cilindro e una piramide si contendono l’attenzione del gallerista, certi episodi evangelici ridotti a vignette blasfeme, le cornici che rinnegano il valore della pittura delimitata: sono esempi di una contestazione che, dagli inizi negli anni ’80 a oggi, procede contro ogni forma del potere, dalla burocrazia tipica dei vecchi satelliti dell’Urss alle istituzioni, dalla distorsione della ...

    Continua a leggere
  • Paolo Canevari – Nobody knows Ottobre 1, 2012

    L’azione centrale di Paolo Canevari (Roma, 1963; vive a Roma e New York) – radicata nelle intuizioni, nelle tecniche e nelle materie a cui è ricorso nel tempo – è di tipo semiotico: dimostrare come ogni immagine, tramite un lieve spostamento di senso e quindi d’interpretazione, possa divenire indifferentemente simbolo di vita o di morte. Il titolo della personale, Nobody knows, è il riflesso diretto di tale incertezza cognitiva; come ad affermare che in qualsiasi presente nessuno conosce, a meno di non renderlo convenzione o ...

    Continua a leggere
  • Margherita Moscardini – una stanza/fuori luogo Settembre 27, 2012

    Il titolo una stanza/fuori luogo è da intendersi letteralmente, quale tentativo di trasporre, negli interni di un diverso spazio, l’ambiente di una precedente installazione. Margherita Moscardini (Piombino, Livorno, 1981; vive a Bologna e Cecina, Livorno) nel 2008 presentòTerza Stanza, una parete fittizia sulla cui strombatura poggiava una lampada accesa verso l’esterno: opera che era insieme punto d’esplorazione e stimolo d’indagine sulle possibili definizioni del paesaggio. Adesso, per la Galleria SpazioA, step seguente a Uscita Pistoia, l’artista recupera le forme del passato intervento e le ri-attualizza, togliendo grosse ...

    Continua a leggere
  • Marco Paoli – Ballads Settembre 27, 2012

    Le Ballads del jazz hanno un ritmo più lento del normale e la loro cadenza fluttuante, di armonia diluita, offre ai musicisti una dolce sospensione, entro la quale ripercorrere, fra stupore e malinconia, l’intricata linea che dal passato porta al presente. Appunto memoria e musica compongono insieme l’inizio della mostra di Marco Paoli(Tavarnelle Val di Pesa, Firenze, 1959; vive a Firenze). Personalità con tanti gusti e inclinazioni, dalle rose alla recitazione, ma innanzitutto fotografo – intendendo con ciò, secondo il testo scritto da ...

    Continua a leggere
  • Eva Marisaldi – Tayo Onorato & Nico Krebs Settembre 27, 2012

    Mantenendo la formula della doppia esposizione – che prevede la condivisione dello spazio fra autori distanziati da un paio di decadi per nascita, dunque a un livello di maturità un poco diverso – s’inaugura il secondo appuntamento del centro Ex3. Per uno spunto d’analisi relativo all’installazione di Eva Marisaldi(Bologna, 1966), che occupa la grande sala centrale, si potrebbe ricorrere a una definizione di Jean Baudrillard: “Perfetto è l’evento o il linguaggio che assume il proprio modo di sparizione […] Ogni evento oggi ...

    Continua a leggere
  • Alla maniera d’oggi. Base a Firenze Settembre 27, 2012

    “L’arte è sempre stata contemporanea”. Una scritta al neon risplende come un quarzo blu sulla facciata degli Uffizi. Otto artisti interpretano – alla maniera d’oggi – altrettanti luoghi del Rinascimento: a Firenze tra attesa, sbigottimento e incomprensione, finalmente il presente si misura con il passato… “Alla maniera d’oggi”: così scriveva il Vasari nelle sue celeberrime Vite, fornendo inoppugnabile testimonianza di una coscienza critica in seno al suo secolo. E se ancora si può dibattere sulla effettiva consistenza e opportunità del termine Rinascimento – questione ...

    Continua a leggere