ATPDiary
  • A Cielo Aperto — Intervista con Bianco-Valente e Pasquale Campanella Febbraio 3, 2017

    Nel 2005 in un piccolo borgo della Basilicata, Latronico, nasce un’associazione culturale in memoria di Vincenzo De Luca, pittore originario del luogo e scomparso prematuramente. Con naturalezza ma a ritmo sostenuto un progetto annuale di residenza d’artista, promosso in modo autonomo dai soci, viene sviluppandosi e definendosi con sempre maggiore ampiezza; attraverso l’integrazione dei vari apporti e la curatela di Bianco-Valente e Pasquale Campanella A Cielo Aperto assume una sua forma caratteristica: elementi centrali sono lo sguardo sull’identità ...

    Continua a leggere
  • Centro Pecci | Alcune riflessioni sulla Fine del mondo… Ottobre 31, 2016

    Uno sguardo sulla mostra inaugurale del Centro Pecci di Prato – La fine del mondo – non dovrebbe eccettuarne il contesto di formazione, essendo le specifiche condizioni, in questo caso, correlate in modo determinante a quanto realizzato nel complesso – la scelta del nuovo direttore tramite bando nel 2014 implicava nel sottotesto: assumersi la responsabilità di una situazione critica e delineare un nuovo corso. Il primo museo italiano di arte contemporanea per “biografia”, risalendo la sua apertura ...

    Continua a leggere
  • Il sistema di corrispondenze di Jessica Warboys | Allotropes Aprile 23, 2016

    Casa Masaccio mantiene un ruolo importante per costanza e qualità della proposta all’interno della scena dell’arte contemporanea in Toscana e non solo; meritoria, oltre le esposizioni a carattere collettivo, la concentrazione su personali di artisti internazionali, come già avvenuto e nel caso attuale di Jessica Warboys (Newport, 1977) in collaborazione con Tate St Ives e Kunsthall Stavanger. L’allotropia è in chimica la qualità di un elemento di esistere in diverse forme, in base ai legami variabili tra ...

    Continua a leggere
  • Andrea Santarlasci – Riflessi da un luogo invisibile Gennaio 10, 2016

    Un luogo si fa interessante per una ricerca artistica, sino a divenirne radice d’ispirazione, dal momento della sua sottrazione alla dimestichezza con lo sguardo e di riconsegna a un ambito di più ampia apertura; così nella rivelazione delle alterità l’artista sceglie e, per una via che può trovare consistenza tanto nella potenza immaginifica quanto nell’elemento fisico, procede a ridefinire lo specifico del luogo stesso. Tale tensione oltre le coordinate percettive consuete, tra le due estremità di scoperta e rammemorazione, è ...

    Continua a leggere
  • Ripensare il medium: il fantasma del disegno Dicembre 6, 2015

    Meditare su un soggetto attraverso una sua possibile assenza – presentirne a un certo punto un mutamento di grado, provvisorio o definitivo che sia – per il pensiero occidentale significa anche, in maniera inevitabile, riconoscere nel soggetto stesso una tradizione duratura; è forse proprio la vertigine d’immaginarsi senza ciò che nei secoli e talvolta nei millenni è parso inscalfibile a innescarsi come primo moto fascinatorio. Così vale per il disegno, mezzo ed espressione nelle cui trasformazioni si rintracciano tanti moti ...

    Continua a leggere
  • Questioni di famiglia ☞ CCC Strozzina, Firenze Agosto 25, 2014

    Con una certa dose di libertà si potrebbe considerare che la famiglia incarni nella propria singolarità le versioni utopica e distopica verso cui è attratta la società nel suo complesso; ovvero la convivenza umana nella sua modalità più ravvicinata per legami sanguigni e di condivisione, pone in concreta espressione tutte le potenze e i limiti dello stare insieme: un repertorio che va dal bene incondizionato alla soppressione, corrispettivo, appunto, dei due destini a cui si vota ogni aggregazione ...

    Continua a leggere
  • Luca Pancrazzi: Mi disperdo e proseguo lasciandomi indietro un passo dopo l’altro Giugno 20, 2014

    Inaugura questa sera – giovedì 8 maggio 2014 nello spazio Assab One di Milano – la mostra di Luca Pancrazzi “Mi disperdo e proseguo lasciandomi indietro un passo dopo l’altro” (fino al 27 giugno). Un progetto complesso e originale che attraverso varie opere – disegni, oggetti, sculture, esercizi dall’archivio e altro a impegnare 1500mq di spazio – approfondisce i temi del tempo e del paesaggio, restituendo così un originale atlante immaginativo dell’artista. Matteo Innocenti ne ha parlato, in un’intervista in anteprima, con il curatore Pietro Gaglianò. ...

    Continua a leggere
  • Uri Aran / Puddles ☛ Peep-Hole, Milano Giugno 20, 2014

    Le installazioni di Uri Aran (Gerusalemme 1977) interessano più livelli d’interpretazione, tra loro complementari; se l’insieme espositivo rivela una scrupolosa costruzione di pieni e vuoti, differenze e ripetizioni, ciò che si potrebbe definire come “ritmo”, le singole opere valgono a esplicitazione di analoghi processi combinatori (attuati, in potenza, inibiti che siano). Ritorna in ogni caso l’attenzione a un punto, centro della ricerca espressiva: ovvero la verifica delle strutture. Il modo in cui ci relazioniamo con gli altri esseri umani e animali, la condivisione ...

    Continua a leggere
  • Late One Morning / Luca Trevisani / Marie Lund Aprile 9, 2014

    Il progetto Early One Morning (titolo tratto da una delle opere fondamentali di Anthony Caro, del 1962) ideato da Alberto Salvadori come ricognizione al presente circa le possibilità espressive e interpretative della scultura – attraverso un ciclo di esposizioni personali e collettive in collaborazione con vari curatori – al modo di uno work in progress entra nella seconda faseLate One Morning per tutto il 2014, iniziando dalla “doppia” Glaucocamaleo di Luca Trevisani (Verona, 1979) e Drums di Marie Lund (1976, Copenaghen). La ricerca di Trevisani è fortemente connotata ...

    Continua a leggere
  • Ornaghi & Prestinari ☛ Galleria Continua, Siena Aprile 9, 2014

      Familiare, parola-indice della disposizione al fondo della propria ricerca: che è una resistenza in verso positivo, determinante affinché ogni resa formale conservi e disveli la volontà, la dedizione e la sorpresa di cui è diretta conseguenza. Il duo Ornaghi & Prestinari (Milano 1986, 1984) – è la loro prima esposizione alla Galleria Continua – si esprime in una dimensione di felice equilibrio; la sperimentazione variabile di tecniche e materiali, in ciò influisce la formazione rispettivamente in disegno industriale e in architettura, evita ...

    Continua a leggere